La UE sentenzia: il latte di soia non può chiamarsi latte

0
278

Le aziende alimentari che vendono prodotti denominati latte di soia o burro di tofu nell’Unione Europea devono rebrandizzare i loro prodotti o affrontare potenziali azioni legali, dopo che l’alto giudice europeo ha escluso tali definizioni solo ai prodotti contenenti latte reale.

La sentenza della Corte di Giustizia Europea si riferisce ad un caso contro una società alimentare tedesca, TofuTown, che vende prodotti come burro di tofu di Soyatoo, formaggio vegetale e formaggio di pesce.

TofuTown aveva sostenuto che non era in violazione della legislazione comunitaria poiché aveva chiarito le origini vegetali dei suoi prodotti. Ma la sentenza della Corte di Giustizia ha confermato che le etichette come latte, formaggio, yogurt e burro non possono essere utilizzati legalmente per designare un prodotto puramente vegetale.

Il giudice ha affermato che il termine latte è riferito “esclusivamente alla secrezione mammaria normale” e che l’uso di frasi descrittive o chiarificanti extra “non influenza tale divieto”. Esistono tuttavia alcune eccezioni, con il latte di cocco e il latte di mandorle entrambi consentiti.

La sentenza ora risale alla corte tedesca per poter essere attuata, anche se la sentenza lascia poco spazio all’interpretazione. Le società che continuano a vendere prodotti con le etichette proibite nell’UE potrebbero affrontare controversie se la questione è perseguita nei tribunali nazionali. La Commissione Europea potrebbe anche intervenire contro gli Stati membri se questi decidono di non aver attuato la sentenza.

La sentenza è stata celebrata da gruppi di aziende lattiero-casearie. «La miscela unica e naturale dei microrganismi e dei macronutrienti del latte e dei prodotti lattiero-caseari non può essere abbinata a nessun prodotto vegetale», ha dichiarato Alexander Anton, segretario generale dell’Associazione europea per il latte.

«Anche nello spiegare la differenza sull’imballaggio, questi prodotti a base di piante non sono autorizzati ad abusare dei nostri prodotti lattiero-caseari per la commercializzazione dei loro», ha aggiunto.

«Questa è una buona giornata per i latticini, una buona giornata per i cittadini europei e una buona giornata per l’Europa».

I gruppi vegetariani europei, tuttavia, erano critici. «Il verdetto di oggi della CGC ha poco a che fare con la protezione dei consumatori», ha detto un portavoce dell’Unione Vegetariana Europea.

«Le alternative vegetali a base di latte sono sul mercato da molti anni. Poiché molte di esse sono state sviluppate e prodotte appositamente per assomigliare agli “originali”, essi dovrebbero essere ammessi a essere commercializzati sotto denominazioni di vendita simili».

Il mercato delle alternative vegetali a base di latte è cresciuto negli ultimi anni, con il latte di cocco, anacardi e mandorle sempre più popolari per i consumatori e per i vegetariani. Le vendite mondiali delle alternative per latte non lattee sono più che raddoppiate tra il 2009 e il 2015 a $21 miliardi, secondo un’indagine di Euromonitor riportata anche da Workshop Bio City.

Alpro, il più grande produttore europeo di latte di soia, ha affermato di aver rispettato tutte le normative vigenti e che la sentenza avrebbe “nessun impatto” in quanto già etichetterebbe i propri prodotti in modo appropriato.

«Usiamo la denominazione “bevanda di soia” e comunichiamo le alternative vegetali allo yogurt evitando qualsiasi confusione tra il latte o lo yogurt e le loro alternative vegetali», ha fatto sapere l’azienda.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here